America Latina e Occidente

Da oltre cinque secoli l’America Latina vive la sua cultura filtrata dal rapporto, talvolta ingombrante, con l’Occidente. La questione naturalmente non può essere ricondotta semplicisticamente allo schema servo-padrone, poiché nel corso del tempo gli attori in gioco hanno cambiato, più volte, non solo posizione, ma anche“significato”. La cultura latinoamericana ha infatti ripreso, reinventato e stravolto gli stimoli, le correnti e le idee che provenivano (e spesso erano imposti) dai salotti e dalle accademie delle città europee e statunitensi. Al punto che oggi, nel centenario della nascita di Leopoldo Zea, si può rispondere finalmente in modo affermativo alla celebre e provocatoria domanda, ¿Existe una filosofía en nuestra América?, che Augusto Salazar Bondy nel 1968 scagliò contro l’intellighenzia del suo paese.

Attraverso i contributi di studiosi del calibro di Mauricio Beuchot, Anna Boccuti, Giuseppe Cacciatore, Horacio Cerutti Guldberg, Enrique Dussel, Serge Latouche, Mario Magallón Anaya e Blas Matamoro, il primo numero di Pagine Inattuali muovendosi tra suggestioni letterarie e analisi filosofiche, riflette su questi temi e intende offrire uno spaccato di quel dibattito che da decenni caratterizza il continente latinoamericano.

Acquista la versione cartacea (14,00 euro, spese di spedizione escluse)

Acquista la versione pdf (5,00 euro)

Acquista l’abbonamento biennale (53,00 euro, spese di spedizione escluse)